Comunicazione Importante - Covid-19: CLICCA QUI

Benvenuto nella Valle dei Templi

Meta imprescindibile di alcuni Tour di Retevacanze è la città di Agrigento: città poliedrica, eternamente in bilico tra la storia antica e quella contemporanea.

Suggestivo e dal potere catartico è il luogo che, più di tutti, consente alla città di essere riconosciuto nel mondo: stiamo parlando della Valle dei Templi.

Entrare nella Valle dei Templi, non significa soltanto fare un excursus tra l’arte e la storia del V secolo a.C.

Entrare nel sito, che con i suoi 1300 ettari, è il parco archeologico più grande al mondo, significa regalarsi una pausa dal tempo e dallo spazio.
Significa camminare sulla Sicilia osservando la Grecia.
Vuol dire accarezzare, con lo sguardo, la bellezza e la potenza dell’Acropoli di Atene restando a due passi da Palermo.

Dal 1997, la Valle dei Templi è stata inserita nella lista dei patrimoni dell’umanità redatta dall’Unesco e, in effetti, tra quelle strade polverose e quei vicoli pieni di terra, tra un ulivo e l’altro, in quella valle si annida un patrimonio culturale, genetico e storico che non ha a che fare solo con la Sicilia e la Grecia: riguarda il mondo e la grandezza dell’uomo che sa riprodurre la bellezza.

La Valle dei Templi è caratterizzata dai resti di ben dieci templi in ordine dorico.

A prescindere dallo stato di conservazione che è evidente nel tempio della Concordia ( si presume per via del fatto che, nel VI secolo d.C, questo edificio fu trasformato in un tempio cristiano e quindi fu più tutelato, rispetto agli altri ) ciò che colpisce, durante questa passeggiata dentro la storia, è l’enorme senso di pace, di potenza e di armonica grandezza che avvolge il viandante.

Per fare un esempio, è come se dai resti del tempio di Giunone promanasse la forza salvifica e taumaturgica dell’amore, visto che quello era il luogo adibito alla celebrazione delle nozze; è come se dai resti del tempio di Zeus giungesse al turista un senso di imponenza e autorevolezza infinite.

È come se ogni pietra, all’interno di quel parco, parlasse una lingua universale, comprensibile anche e soprattutto nel silenzio.
Scendere tra i sentieri della Valle significa concedersi una meditazione dentro la bellezza profonda, significa inebriarsi di un senso di armonia e proporzione che si contrappone al caos, al disordine e al magma primordiale.

Un tramonto osservato, dal quel parco archeologico, ti purifica da ogni dolore; ti restituisce al mondo più sereno, felice e pacificato di prima; ti resetta i pensieri e rende profondità ai sogni.

Per questo, noi di Retevacanze consideriamo imprescindibile meta di alcuni dei nostri tour Agrigento: perché se esiste un luogo in grado di farsi eternità dentro il tempo, quella è la Valle dei Templi e se esiste un modo di dimostrare ai nostri ospiti che teniamo al loro benessere e alla loro felicità, quello è dargli un assaggio di immortalità mentre camminano in mezzo alla storia.